CRACOVIA PATRIMONIO DELL'UNESCO - Cosa vedere

Il Royal Wawel e il fiume Vistola

Il Royal Wawel e il fiume Vistola

Market Square al tramonto

Market Square al tramonto

Museo ‘Fabbrica di Schiindler’ (interno)

Museo ‘Fabbrica di Schiindler’ (interno)

 

CRACOVIA PATRIMONIO DELL'UNESCO - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: DV4PLS248

Il famoso quartiere ebraico, Kazimierz, è stato sfondo d alcune scene di Schindler's list, di Steven Spielberg. Kazimierz fu un centro molto importante della vita ebrea sia intellettuale che culturale. Nel 1941 sul lato destro della Vistola venne innalzato un muro, di cui ancora oggi rimangono tracce, e costituito il ghetto ebraico. Dopo gli anni orribili della guerra e della deportazione, il quartiere venne abbandonato per decenni. Adesso la piazza Nuova è simbolo dei contesti e della trasformazione che vede nascere bar, gallerie d'arte, ristoranti kasher, antiquari e rigattieri, accanto ad abitazioni abitate da gente povera. Testimonianza del luogo sono la Vecchia Sinagoga, oggi divenuto Museo storico dedicato agli ebrei e la Sinagoga Remu'h, luogo di culto, ancora attivo. Altra perla iscritta nella lista UNESCO é il suo piccolo e curato centro storico, per la sua immensa piazza centrale e per la fascia di giardini del Planty che circonda il centro. Qui, sul verde, spicca la splendida chiesa della Santa Croce, in mattoni rossi, è stata edificata in stile gotico. Ha ricevuto dall'UNESCO anche il riconoscimento di città della letteratura e nel 2014 è stata scelta come Città europea dello sport. Detta anche la "Roma del Nord" per il gran numero di chiese e monasteri che si trovano nel centro storico, la città è anche sede arcivescovile, ricordiamo che  Karol Wojtyła, prima di diventare papà, ne fu vescovo per 14 anni. Il vero cuore pulsante di Cracovia, si trova sulla riva nord del fiume Visto la, ed è Stare Miasto, la città vecchia: un quartiere dal fascino particolare dove lo stile gotico sposa perfettamente lo stile rinascimentale e il barocco. Il centro storico risparmiato dalla seconda guerra mondiale è un patrimonio dell'umanità protetto dall'UNESCO. La piazza dei fiori, Rynek Glowny è la piazza principale della città vecchia, nonché la piú grande della Polonia. La più grande piazza del mercato d'Europa, con i suoi 200 x 200 metri, invoglia davvero a passeggiare. Anima e fulcro commerciale di Cracovia, a pianta quadrata, è attorniata da edifici storici di notevole interesse, da qui dipartono le vie principali della città, tra cui la Strada Reale. Tra questi palazzi il più significativo è il Sukiennice, il gotico mercato dei Tessuti, che ospita ancora un mercatino con negozi di artigianato vario. Al primo piano dell'edificio, apprezzerete le opere di pittura polacca della Galeria Malarstwa Polskiego Museum Narodowego. Sul lato nord occidentale della piazza, si erge l'imponente chiesa gotica Kosciol Mariacki, dedicata alla Vergine Maria. Distrutta, ed in un secondo tempo ricostruita, sono stati aggiunti i coronamenti della alta guglia sinistra, da dove, ogni giorno viene suonato l'inno mariano, "hejnal mariacki", che si interrompe bruscamente e ricorda la sentinella trafitta da una freccia mentre avvisava la città dell'attacco dei Tatari. Per accedere alla chiesa, si attraversa un piccolo tempio in stile barocco ed, una volta arrivati, all'interno si possono ammirare alcuni affreschi e le vetrate decorate con temi tratti dal Vecchio e Nuovo Testamento. Lungo le navate è possibile ammirare importanti opere come quella dedicata a S. Giovanni Battista, la tomba di Seweryn Boner ed il prestigioso dossale Mariano. Sempre all'interno della Rynek Glowny, possiamo trovare il  Wieza Ratuszowa (torre del municipio), che dopo l'abbattimento del municipio è diventata la "torre pendente di Cracovia", in quanto si è inclinata di 55 cm. Alta 70 metri è caratterizzata da due leoni in pietra posizionati come custodi di ingresso del Mercato dei Tessuti. Inoltre, tra i vari edifici, troverete la Kosciol swietego Wojciecha (chiesa di S. Adalberto), una delle chiese più antiche della città; la Kamienica Hetmanska, ossia la zecca; la Kamienica 'Pod Jaszczurami', cioè la casa 'delle lucertole', per le lucertole intrecciate che ornano lo stemma; la Kamienica Montelupich; la Kamienica Szara, il più antico palazzo cittadino e la Kosciol swietej Barbary (chiesa di S. Barbara). A nord della Piazza si trova, la Porta di San Floriano, con le otto porte antiche, è l'unica porta rimasta. Qui troviamo il celebre Barbacane, un  bastione difensivo, messo davanti alle mura della città e circondato da un fossato. Con sette torrette di osservazione, è la più grande fortezza in Polonia, e la miglior conservata in Europa. La vita notturna trova il proprio palcoscenico ideale nei locali a volta medievali che ospitano numerosi club.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK